Lettera al Direttore della Vita Cattolica

Che Dio aiuti la ricerca umana.​​

Caro Direttore. 

Voglio pregare Dio che aiuti tutte le persone che lavorano nella Sua Vigna tutte, le Suore i Sacerdoti in particolare i Vescovi di tutto il mondo che con il loro impegno aiutano alla formazione del Regno divino.

Padre aiuta ogni uomo a riconoscere l’importanza della tua presenza  del nostro pianeta, anzi nell’intero universo, aiuta anche le persone che fanno difficoltà a sentire la tua presenza, che comunque non distogli da alcuno, e ti chiediamo di perdonarci quando troviamo difficoltà a seguirti.

Tutte le persone chiedono di essere aiutate in questo momento difficile,  in particolare dai bambini in qualsiasi posto della terra essi si trovino che sappiano leggere i tempi quindi la Tua Volontà.

Padre penso a tutte le persone che ti cercano e hanno difficoltà a trovarti, non distogliere il tuo sguardo e spero che ognuno possa accettare la Tua proposta di salvezza. 

Padre ti Prego di aiutare gli scienziati nella ricerca in atto nel  mondo Scientifico in tutti i campi  che sono ritenuti importanti e interessanti per l’intera Umanità dalla Fisica alla Medicina dalla Chimica all’astrofisica.

Padre aiuta coloro che lavorano per “Un Futuro Possibile” per l’uomo. 

Antonino FERRO

Lettera al Direttore della Vita Cattolica

Bisogna sempre pregare Dio Padre.

Caro Direttore.

Voglio pregare Dio che aiuti gli uomini che nella loro debolezza e piccolezza, pregano con canti e suppliche mediante i bambini gli adulti e gli anziani per salvare dalla pandemia tutto il genere umano.

Dio Padre aiuti ogni uomo a prendere decisioni tali da difendere la propria persona e quella degli altri.

Dio Padre aiuta le persone guarite a esserti grate per la forza vitale che gli hai dato e che sono la risposta alle preghiere fatte, e alle persone ammalate ad avere una speranza di guarigione ed a ritornare ad una vita normale piena di lavoro e studio.

Dio Padre doni forza a tutto il genere umano e intelligenza  agli uomini che sappiano difendersi dal virus cercando di rispettare le indicazioni date dai medici e aiuta quest’ultimi a fare del loro meglio.

Dio Padre aiuta anche i governanti di tutto il mondo che sappiano intervenire a favore di tutte le popolazioni del pianeta, soprattutto quelle più svantaggiate dove sono necessari delle regole più precise e una risposta alle popolazioni dei comportamenti da adottare.

Antonino FERRO 

Lettera al Direttore della Vita Cattolica

Le nostre famiglie siano ispirate al bene.

Caro Direttore

In questo periodo di pandemia, Dio Padre ci aiuti a mantenere unite le famiglie che a causa del Coronavirus sono più provate dalle distanze: che tutte abbino la possibilità di utilizzare i mezzi di comunicazione per tranquillizzarsi vicendevolmente.

Dio Padre aiuta le famiglie che sono importanti per la società e vanno quindi difese e assistite, soprattutto i genitori che hanno il compito spesso non semplice di educare i figli, dare loro un’ istruzione, indirizzarli verso la più elevata conoscenza culturale e avvicinarli il più possibile a Dio.

Dio Padre aiuta i giovani nelle famiglie ad imparare ad avere rispetto per le persone anziane spesso molto deboli e bisognosi di assistenza ricordandosi che prima o poi anche loro arriveranno ad una certa età e chiederanno aiuti.

Dio Padre aiuta le famiglie a evitare il divorzio, a ponderare bene prima di compiere un gesto simile che può portare infelicità ai figli (soprattutto se piccoli) e diversi altri problemi, soprattutto quelli che influiscono sulla loro psiche.

Dio Padre arma i genitori di Buona Volontà.

Amiamo e aiutiamo tutte le famiglie nel mondo.

Tavagnacco.

Antonino Maria Ferro

Lettera al Direttore della Vita Cattolica

Il dono smisurato della Pace da Chiedere.

Caro Direttore.

In questo periodo di pandemia, Dio Padre ci ha assistito a notevoli cambiamenti per tutta l’umanità e in alcune zone del pianeta si è fermata pure la guerra.

Prima di pensare alle guerre, pensiamo alla pace, pensiamo quanto sia più costruttiva e quanto maggiori siano le soddisfazioni che ne derivano; quando vi sono delle situazioni difficili bisogna cercare di capire ciò che le parti possano offrire.

La Pace consente soprattutto la felicità che deve accompagnare l’uomo fin dall’infanzia. 

La Pace protegge chi lavora, chi studia, chi prega e anche le persone che possono spostarsi dove vogliono senza timori senza paure e agendo al miglioramento delle relazioni fra le persone, anche di diversa cultura e credo religioso, in quanto il dono della Pace porta a grandi vantaggi.

La pace nella società porta anche direttamente la pace nelle famiglie, nelle scuole, nelle università e soprattutto nel lavoro che si realizza se diventiamo rispettosi uno dell’altro.

Una soluzione per avvicinarsi sempre di più alla Pace è avvicinarci a Dio in particolare a Gesù 

Tavagnacco Antonino Ferro

Lettera al Direttore della Vita Cattolica

Caro Direttore.

Dio Padre in questo periodo di pandemia ci hai molto aiutato, lasciandoci prendere le giuste precauzioni per sconfiggere il coronavirus. Dopo questi eventi ( difficoltà, paure), mi ricordo delle parole storiche dette all’intera umanità da tuo Figlio Gesù che ha pronunciato sulla croce “Padre perdona loro perché non sanno quello che fanno”. Oggi potremmo chiedere a Dio “Padre aiutaci a ritrovare la via”.

Signore Dio aiutaci a prendere le decisioni necessarie per portare avanti l’umanità in questo piccolo pianeta, che ogni uomo si rinnovi spiritualmente prendendo vera coscienza delle proprie azioni verso il prossimo. 

Dio Padre quello che puoi fare è molto di più di quello che l’uomo può pensare.

Dio Padre ci hai fatto diventare uomini di pace, desiderosi di pace, tutti sulla terra aspirano alla pace, illumina i governanti dei paesi dove non c’è la pace.

Dio Padre ti prego per tutti gli abitanti del mondo perché ritornino a te e gioiscano per averti conosciuto.

Antonino Maria FERRO

Lettera al Direttore della Vita Cattolica

Caro Direttore,

siamo nel  luglio 2020 e siamo in una situazione più controllata del coronavirus rispetto a febbraio 2020, quando scoppiarono (soprattutto nel nord Italia) primi casi di epidemia, abbiamo avuto timore per i nostri cari e per noi stessi per i bambini, gli anziani e per tutti coloro che vivevano una situazione di debolezza fisica.

Dio in tutta questa situazione ci ha aiutato e non vi sono dubbi tutti, soprattutto per coloro che hanno Fede e non lo negheranno..

Dio continua a essere vicino l’umanità in qualsiasi posto del mondo.

Dio nostro ti voglio ringraziare per il coraggio che ci hai donato in questi ultimi tempi, spero che continui a essere vicino a chiunque ad esempio a quelli che hanno bisogno di un conforto.

Noi come uomini dobbiamo esserne riconoscenti a Gesù, per questo invito ad entrare in una Chiesa quindi in un luogo Sacro, e ringraziare pregando anche con parole proprie per essere rimasti incolumi da questa situazione di pandemia e di continuare a chiedere protezione per se stessi, e per i propri cari, soprattutto per i bambini.

Dio ci invita tutti a ritornare a Lui che è il centro della nostra vita.

Armiamoci tutti della potenza della Preghiera e Benediciamo Dio per il suo aiuto e per l’intervento imminente nel nostro piccolo pianeta Terra.

Preghiamo perché non si ritorni al punto di partenza, partenza preghiamo per rimanere accorti  comportandoci attentamente e rispettando le ordinanze dei medici e scienziati anche loro aiutati dal Divino.

Dio Padre Benedici tutti i popoli della Terra che possano tutti vivere in salute e lavorare collaborando per il bene economico di tutti i paesi, rinnovando la promessa di bonificare l’intero pianeta dall’inquinamento (Oceani, mari, suolo e soprattutto l’atmosfera) creando un mondo migliore più rispettoso del creato.

Antonino Ferro

Lettera al Direttore della Vita Cattolica

Caro Direttore.

Voglio pregare Dio, che ci aiuti a convivere con il Coronavirus utilizzando tutte le precauzioni. Dio aiutaci a dare valore a tutto ciò che ci difende dal Coronavirus (Mascherine, guanti, alcool, disinfettanti ecc), ma anche a mantenere le distanze di sicurezza.

Non minimizziamo queste indicazioni specialmente in pubblico o davanti ai bambini o gli anziani, è un gesto poco gradito soprattutto per coloro che hanno creduto in tutto quello che hanno fatto e stanno facendo, mi riferisco ai volontari della protezione civile, medici, infermieri, imprenditori e tutti coloro che sono stati per lungo tempo chiusi in casa. Non acconsentiamo ad essere poco prudenti facendoci coinvolgere dalla superficialità.

Dio Padre ti prego di farci vivere sereni ma attenti ad eseguire le indicazioni che i nostri scienziati e medici ci dicono di fare e come comportarci.

Dio Padre aiutaci a reagire positivamente se non altro per ricordare tutte le persone che hanno perso la vita e sono state davvero tante, che non ricadiamo nuovamente nel timore e nell’angoscia ma possiamo essere gioiosi. 

Doniamo a Dio il nostro tempo trascorso in maniera diversa a causa del Coronavirus, il tempo che sappiamo essere prezioso per ognuno di noi.

Dio Padre illumina gli Operatori Sanitari in tutto il mondo perché continuino a essere coraggiosi e attenti e trovino soluzioni per difendere le loro popolazioni.

Dio Padre l’uomo ha bisogno di essere attivo (lavorare) e questo è stato un periodo che ci ha fatto  capire l’importanza che l’uomo possa farlo con tutte le precauzioni e accortezze per difendere la salute e la vita propria e altrui.

Dio aiutaci a collaborare con tutti quelli che ci offrono dei servizi cercando di eseguire le ordinanze degli esperti e degli scienziati.

Lettera al Direttore della Vita Cattolica

Caro Direttore,

siamo insieme ansiosi che tutto finisca al più presto. Per questo fenomeno della pandemia, che si può sconfiggere soltanto facendo quello che ci dicono di fare, non ci stanchiamo ne di lottare ne di pregare. Il virus infatti non si stanca di noi se noi non lo isoliamo in tal modo lo sconfiggiamo, ossia mettendoci tutta  attenzione possibile.

Aspettiamo dunque e vedremo presto i risultati che per la verità sono già in corso, rivolgiamoci tutti a Dio che illumini in particolare i medici e gli scienziati che operano senza sosta  nei loro rispettivi campi e convergentemente per abbattere questo demone.

Eleviamo preghiere personali soprattutto per coloro che sono ammalati, preghiere che possono fare in particolare amici e parenti, ma che con la stessa forza possiamo fare tutti. 

Rivolgiamoci spesso allora, al Padre, al Figlio, allo Spirito Santo e rinnoviamo la nostra fede.

Promettiamoci di essere più uniti mettendo a frutto i doni che Dio ci fa e vediamo per questo diringraziarlo.

Coraggio a tutti..

Antonino Maria FERRO  

I bambini e il coronavirus

Caro Direttore,

vorrei ringraziare il Signore mio Dio, e pregarlo di proteggere da questo virus pandemico i bambini che costituiscono un bene prezioso.

Proteggili uno ad uno e tutti insieme, moltitudine felice, perché possano raccontare in futuro che loro ci sono stati e ne sono usciti grazie alle persone che li hanno amati.

Che i genitori li sappiano proteggere da qualsiasi pericolo legato a questo virus.

Che nessun bambino venga toccato in maniera negativa, dal punto di vista psicologico che possano riprendere presto a studiare e ritornare alle loro attività culturali e sportive.

I bambini sono la parte più fragile dell’umanità vanno quindi protetti grazie all’apporto di tutte le persone: insegnanti,  educatori, sacerdoti, sportivi …..

Signore che tutte le persone possano partecipare alla grande impresa educativa a vantaggio dei più piccoli, e questi possano continuare a mantenere la vita nel nostro pianeta e reagire a queste difficoltà che stiamo incontrando.

Ma soprattutto, Signore, che possano ritornare a giocare sia fra di loro sia con gli adulti, che continuino a essere la gioia di tutti e possano ritornare ad abbracciarsi.

Signore, aiutaci a non dimenticarci dei bambini, ad eseguire ed insegnare loro le regole per combattere questo virus con cui dobbiamo convivere, speriamo per breve tempo.

Aiutaci, Signore, a far sorridere i bambini e mantenere in loro il buon umore in qualsiasi posto essi si trovino.

Possano i bambini crescere nella Fede in Dio.

Coraggio bambini.

Ferro Antonino Maria